LE GROTTE

La Riserva Naturale Grotte di Pietrasecca ha un estensione di circa 110 ettari cela un ambiente di rara bellezza,straordinariamente affascinante,capace di suscitare forti emozioni ,permettendo avventure speleologiche irripetibili, a contatto diretto con la natura ed in totale sicurezza.

LA RISERVA

L’area circostante al borgo di Pietrasecca, le cui abitazioni a strapiombo sulla roccia ne denunciano l’origine difensiva, è caratterizzata da marcati fenomeni carsici superficiali che, da sempre, hanno richiamato l ‘interesse della comunità scientifica.

Per tale motivo , 1992, la Regione Abruzzo, ha istituito primo caso in Italia, una riserva Naturale Speciale per la tutela e valorizzazione di un ambiente carsico. In tal senso, l’amministrazione comunale di Carsoli ha sottoscritto apposite convenzioni con l’ Università degli studi Dell’Aquila e con la Federazione Speleologica Abruzzese.

grotte-di-pietrasecca

LA GROTTA DEL CERVO

Scoperta nel 1984 , ha subito animato entusiasmi e curiosità per la sua straordinaria bellezza. L’ingresso piuttosto ristretto , immette in un ampia galleria lunga circa 400 metri,caratterizzata dalla presenza di straordinarie concrezioni candide di varia forma e struttura.

Deve la sua importanza al ritrovamento al suo interno delle ossa di un cervo di notevole interesse paleontologico e di monete romande del IV-V sec. d.c.

Forse per alluvioni o in occasione di un terremoto nel 1456 l’apertura si ostruì tornando alla luce solo nel 1984 In questa grotta vengono attualmente condotti studi sulla paleo sismicità da parte dell’Università degli studi Dell’Aquila.

 

LA GROTTA DELL’OVITO

Inghiottitoio naturale che raccoglie le Acque del bacino omonimo per restituirle dopo 1300 metri nella così detta Risorgenza Di Vena Cionca a Pietrasecca.

L’ingresso, dal caratteristico ampio e doppio portale,immette in una larga galleria, lunga 271 mt e alta sino a 15 – 20 mt.

Il tracciato è caratterizzato da una suggestiva serie di stretti e piccoli laghi , separati da brevi rapide e da alcune diramazioni che introducono in ambienti densamente concrezionati

Subito dopo ha inizio l’affascinante canyon con una successione di rapide, laghetti e cascate. Dopo un salto d’acqua di 8 metri si giunge sul vasto lago sottostante, caratterizzato da una splendida cascata , alimentata dalle acque del torrente sotterraneo.

E’ possibile prenotare visite con guida speleologica anche in questa grotta